Eitam, il bambino di 5 anni unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, ha riaperto gli occhi.

Tragedia del Mottarone, il piccolo Eitan si sveglia. Accanto a lui la zia

Eitam, il bambino di 5 anni unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, ha riaperto gli occhi. A metà mattina è stato estubato, ha confermato il direttore generale della Città della Salute di Torino, Giovanni La Valle. “Per un momento ha ripreso conoscenza, ha aperto gli occhi e ha trovato di fronte a sé un viso conosciuto, quello della zia”.paterna .

Al suo fianco, oltre ai medici dellì’ospedale , c’era la zia Aya, sorella del padre morto con la madre e il fratellino di due anni nella cabina della funivia precipitata. “Questa è una fase molto delicata – dicono i sanitari del reparto di Rianimazione – La notte è passata tranquilla e conferma la stabilità clinica del bambino nonostante le condizioni critiche.

Il fatto che siamo riusciti a estubarlo è un fatto positivo”. Quando ha aperto gli occhi, dunque, Eitan si è trovato di fronte il volto conosciuto della zia. La prognosi resta riservata e si attendono le prossime ore per completare il risveglio.

tutti pregano per lui pe il piccolino . Chiediamo al Signore di essere vicino al piccolo Eitan, che gli dia pace, pronta guarigione e consolazione. Chiediamo che Dio gli faccia sentire il suo abbraccio, come ha fatto suo padre per proteggerlo durante questa terribile disgrazia”. per portegli salvare la vita .

Intanto i mezzi con a bordo i feretri di tutti i suoi familiari morti domenica – il padre Amit Biran, la mamma Tal Peleg,e il fratelino di soli 2 anni tom , e i nonni – sono partiti questa mattina dall’obitorio di Verbania diretti all’aeroporto di Malpensa, per essere riportati in Israele.